Stipa ca truova

La Salernitana incamera. Così dice Ventura. Che risiede a Bari e così traduce la famosa locuzione: “Stipa ca truova”.

Dice, che c’azzecca Mazzola?

Effettivamente niente c’azzecca, Mazzola giocava al Calcio.

Ma siccome mi ostino a credere che questo lo sia ancora, vorrei parlare di Mazzola.

Quando Mazzola era un pulcino dell’Internazionale, il suo allenatore era Peppino Meazza.

Sì, quello dello stadio. Dicono che da calciatore se la cavasse discretamente.

Ebbene Meazza, quando insegnava ai bimbi, metteva il pallone a terra, si inginocchiava, prendeva lo scarpino del calciatore in erba tra le mani e lo posizionava sulla sfera di cuoio nella posizione giusta per tirare in porta.

Ecco, non è colpa di Milan Đurić se un Meazza non l’ha incontrato, se qualcuno, anni fa, ha deciso di sottrarre al basket un discreto talento per convogliarlo sui campi di calcio.

Milan Đurić, peraltro, è un buon ragazzo, dotato di fosforo e con notevoli doti morali.

Insomma, ha la schiena abbastanza dritta per comprendere che il problema non è lui, ma quello che simboleggia.

È vero, il centravanti non si porta più. Basta vedere cosa aveva di fronte la Salernitana oggi: nella terra che fu di Di Natale, Baiano, Tavano, con quel po’ po’ di centravanti in panchina.

Il fatto, però, è che un calciatore che non è stato acquistato per fare gol (cito), è stato preso in Inghilterra con lauto quadriennale. Fino al 2022, quindi.

Pare che questa cosa non sia interessante per quanti sono devoluti all’informazione giornalistica.

Ma la lega B in settimana ci ha informato che il monte ingaggi granata, anche quest’anno, si assesta al numero sei tra le venti partecipanti al campionato cadetto.

Il che avvalora la tesi, più volte ribadita, dal direttore Fabiani: non sempre chi spende tanto rende secondo l’esborso.

E certifica quanto sottolinea la proprietà: non si lesinano risorse.

Tutto vero. La cosa curiosa, curiosa assai, è che nessuno si piglia collera per questo fatto.

I responsabili restano intoccabili, il presidente (dalla leggendaria generosità) non batte ciglio.

Intanto, mentre Rosina affina la propria tecnica sui campi da golf, mentre Đurić alimenta i rimpianti degli allenatori di basket, mentre Cerci divulga referti e afferma che questa volta non è colpa sua, la Salernitana incamera.

Così dice Ventura.

Che risiede a Bari e così traduce la famosa locuzione: “Stipa ca truova”.

Cosa abbiamo conservato e cosa troveremo lo scopriremo prestissimo.

Buon Natale, intanto.

Empoli-Salernitana 1-1
Marcatori: 40′ Lombardi (S), 46′ La Gumina (E)
Empoli: Brignoli; Pirrello (74′ Nikolaou), Romagnoli, Maietta, Veseli; Frattesi, Ricci, Bandinelli (67′ Fantacci) ; Bajrami (80′ Laribi); Mancuso, La Gumina. All. Muzzi.
Salernitana: Micai; Karo, Migliorini, Pinto (46′ Billong); Lombardi, Akpa Akpro (82′ Di Tacchio), Dziczek, Maistro (60′ Cicerelli), Kiyine; Djuric, Gondo. All. Ventura.

Commenti

Medico, socialmente attonito e disadattato. Osservatore non distaccato. Settario.