Sinusite

Ah, non lo so bene quanto mi ricorderò, un giorno, di questo Padova-Salernitana.

So che, almeno per 48 ore, verserò nello stesso stato catatonico del vecchietto di “Così parlò Bellavista”. Potete fare pure la prova. Vi mettete a dialogare vicino a me.

Uno dice: “Quanto abbiamo pagato il riscatto di Jallow?” L’altro risponde: “Un milione”. E vedrete che, certamente, mi risveglierò per dire: “Uanema do priatorio”.

Poco altro da segnalare.

Uno degli ultimi fermo-immagine, forse. Quello del gigante di Tuzla, quello che il suo agente ha detto che non gli fanno i cross, che sull’ultima punizione a nostro favore è andato a rimpinguare la barriera invece di mettersi al centro dell’area.

Credo che basti a simboleggiare il momento, la fase storica della patrimonializzazione.

La pagina dell’assalto ai playoff, invece, resta ancora da scrivere. Come quella di una squadra ambiziosa, rinforzata (sic) dal mercato di Gennaio che doveva andare, in casa del fanalino di coda, a mostrare i 12 punti di differenza.

Senza fare gol, chè il digiuno di #uanemadopriatorio è arrivato a 126 dì, e l’ultima volta che ha segnato in Italia il gigante era appena uscito l’IPhone 7, e mo’ stiamo al modello Xs.

Si confida nell’innesto di Calaiò, in forma così strepitosa da non essere neanche convocato (per non umiliare i ragazzi di Bisoli, presumo).

La versione 2.0 della pizza Minala appare ancora lontana, ed è già tanto che qualche chef non gli abbia dedicato una frittata.

Mentre su Memolla bisogna ancora capire bene.

Perché qualcuno male informato lo aveva presentato come terzino sinistro, e invece forse è centrocampista (vedi sito ufficiale) e neanche mancino, se a sinistra, ancora una volta, abbiamo arrangiato Pucino.

Arrangiamento che non ha prodotto una canzone memorabile, pare.

Doveva infiammare il cuore, questo Padova-Salernitana, ma ad infiammarsi sono stati solo i seni paranasali dei tifosi al seguito. Col tempaccio che faceva, ti credo.

Padova-Salernitana 0-0
Padova: Minelli; Cherubin, Andelkovic, Trevisan (62′ Ceccaroni); Morganella, Lollo, Broh, Calvano (86′ Pulzetti), Longhi; Bonazzoli (72′ Baraye), Mbakogu. All. Bisoli.
Salernitana: Micai; Perticone, Migliorini, Gigliotti (75′ Bernardini); Casasola, Minala, Di Tacchio, Pucino (85′ Rosina); D. Anderson, A. Anderson; Jallow (82′ Djuric). All. Gregucci.
Arbitro: Di Martino di Giulianova
Commenti

Medico, socialmente attonito e disadattato. Osservatore non distaccato. Settario.