Selfie

Porta pure a casa il pallone, Milan Đurić.

E non c’è neanche bisogno di restituirlo. Non credo serva più.

Spiazza, questa vittoria col Cittadella, roboante nei numeri come l’impresa del “Del Duca” 56 giorni fa.

Spiazza tutti, tranne qualcuno. Che dall’interno o dall’esterno aveva capito tutto.

Vero, avevano ragione, troppa pressione soffoca. Verissimo se, alleggeriti dalla zavorra di qualche migliaio di spettatori, gli acquirenti odierni del biglietto di Curva hanno pagato € 1, 17 a gol. Un affarone.

Vero, avevano ragione dall’esterno quelli che affermano che Lotito non mentiva.

E che quindi per puntare alla A nel prossimo torneo dovevamo per forza salvarci.

Anche se, beninteso, che siamo salvi lo dice il senso comune, non la Matematica.

La quale, attenzione, non esclude neanche un clamoroso rientro nella zona dei Sogni.

Matura, la tifoseria coi piedi piantati per terra. Pragmatica.

Fino a che punto? Ah, basti pensare che in un mondo selfie-centrico dove ogni singolo atto quotidiano  viene immortalato e condiviso in tempo reale, non un solo fotogramma è pervenuto dalla recente giornata romana.

Che è storica, nella nostra piccola storia provinciale, più della Marcia, più dei Patti Lateranensi.

E verrà tramandata per sola tradizione orale, confusa nei nomi dei partecipanti.

Comunque indelebile, anche senza il conforto delle immagini.

Spiazza, questo roboante tabellino, quanti invocavano partecipazione per scansare il baratro, i pittori di tragici scenari dai colori oscuri.

Oscuro sì, lo era il cielo sull’Arechi che versava lacrime. Avessi tendenza al populismo ed alla demagogia, potrei scrivere chi piangeva e perché.

Ma avendolo rispettato da vivo e conosciuto la solitudine della fine, non mi unirò alla popolosa schiera.

Ben prima di Pasqua, di questa Pasqua 2.0 che non prevede resurrezione, col pallone di Milan vanno in ferie anche gli untori ed i tremebondi.

Lasciando il campo libero, finalmente, all’unico argomento che conta: cosa sarà di noi domani.

SALERNITANA-CITTADELLA 4-2

Marcatori: 6′ pt, 14′ st e 26′ st Djuric (S), 13′ pt Moncini (C), 19′ pt Iori (C), 17′ st Minala (S).

SALERNITANA: Micai; Pucino, Mantovani, Migliorini, Lopez; Di Tacchio; Casasola, D. Anderson (13′ st Rosina), Minala (32′ st Odjer), Jallow ; Djuric (39′ st Mazzarani).  All. Gregucci

CITTADELLA: Paleari; Ghiringhelli, Drudi, Adorni, Benedetti; Siega (34′ Proia), Iori, Branca; Schenetti (23′ st Panico); Moncini, Diaw (34′ st Scappini).  All. Venturato

Arbitro: Niccolò Baroni di Firenze

2910 spettatori (compresi 1179 su 4085 abbonati) presenti di cui 13 ospiti.

Commenti

Medico, socialmente attonito e disadattato. Osservatore non distaccato. Settario.