Piatt vacant

Il Natale fuori stagione di Donnarumma che arriva a 25 in faccia al suo mèntore

Ve la ricordate la vecchia barzelletta del parcheggiatore maldestro:
“Vien, vien… Vien’a verè ch’è cumbinat!”
Ecco, se ve la ricordate, non chiedetevi il motivo dei dirigenti in panchina a Brescia. Giusto che vedano, almeno quello.
Fa strano, questo pomeriggio uggioso ed inoltrato di Pasquetta. Spettatori noi da casa, spettatrice la Salernitana che assiste, e non è una novità, al volo dei liberi di sognare. E almeno, stavolta, si tratta di amici nostri.
Amici e simili.
Chè dalla curva cantavano pure loro “L’amour toujours”.
Solo che le parole loro sono sentenza, le nostre, ahimè, non ora, non qui.
Si dirà, leggeremo, di un salvataggio sulla linea di porta, di qualche giocata “vintage” di Rosina e Calaiò. Abbiamo visto le mani alzate al cielo di Casasola, le espressioni western di Lopez. Basterà, alla folta schiera dei giustificanti.
Non a chi legge con solare evidenza quanto anemica sia questa squadra, quanto adagiata nella tranquilla atmosfera che da quattro anni si respira nel loro ambiente.
Non è successo niente a Brescia, nulla accadrà, da qui alla fine. La permanenza in categoria, sapientemente centellinata, non è in discussione, con buona pace delle stantìe chiamate alle armi che certamente leggeremo sin da oggi.
Del traguardo playoff? Ah di quello nessuno sembra avere memoria.
Cosa resta di questa strana Pasquetta? Il Natale fuori stagione di Donnarumma che arriva a 25 in faccia al suo mèntore. E per il resto, la stessa scena vista sulle tavole dei gitanti:
una pila di piatt vacant tanto bisognosa di pulizia.
Qualcuno dirà che, dopotutto, non sono poi così sporchi. E possono restare lì.
BRESCIA-SALERNITANA 3-0
MARCATORI: 3′ pt Tremolada (B), 37′ pt Torregrossa (B), 14′ st Donnarumma su rigore (B)
BRESCIA: Alfonso; Sabelli (1′ st Mateju), Cistana, Romagnoli, Martella; Bisoli, Tonali, Dessena; Tremolada (9′ st Dall’Oglio); Torregrossa (34′ st Morosini), Donnarumma. All.: Eugenio Corini

SALERNITANA: Micai; Pucino, Migliorini, Mantovani; Casasola, Akpa Akpro, Di Tacchio (33′ st Odjer), Lopez; Rosina (15′ st A.Anderson), Jallow (1′ st Calaiò); Djuric. All.: Angelo Gregucci
Arbitro: Pezzuto di Lecce

Commenti

Medico, socialmente attonito e disadattato. Osservatore non distaccato. Settario.