Luna o stelle

Un campionato lunare, a definirlo stellare si gioca troppo d’anticipo

Non credo mi abituerò mai al campionato “nevrotico”.
Che si parte, poi subito ti fermi, poi corri via a testa bassa.
Una dietro l’altra, capitano serate come questa che quasi non ti accorgi di viverle e non di rado, a riavvolgere il nastro del campionato, ti accorgi che in realtà hai transitato per un crocevia.
Anche perché, da Benevento a scendere, hai quasi la sensazione di vedere una sola, lunga partita giocata in notturna.

Già, questa Salernitana non conosce ancora la luce del sole.
Un campionato lunare, a definirlo stellare si gioca troppo d’anticipo.
Intanto però il clima è umido, e mr. Libidine, che a sentire Chievo piglia fuoco, si toglie la giacca.
Lo deve fare per svegliare una squadra rimasta, fino a quel punto, sul charter che tornava da Trapani.

E che stava sotto per colpa di un Filip Đorđević che Lotito teneva a fare la muffa a Formello, mentre noi ci si deliziava con Vuletic.
Questione di desinenze.
La ventata di calore arriva pure al Direttore (di gara) che vede il secondo rigore consecutivo.
Non eravamo abituati. E continua, più forte, nella ripresa, pure perché il portiere loro, che ha un nome da sentenza, Šemper, ed una faccia da bambino sfarfalleggia.

E di metro in metro, di azione in azione, di giallo in giallo, fino al primo rosso, il primo posto si vede, si tocca.
Ma nel terzo quarto di questa lunga, lunare partita, Ventura dimentica nella giacca il foglietto con le sostituzioni giuste, il magazziniere si accorge che nel charter di Trapani ha scordato la borsa con la fortuna, Kiyine fornisce plastica evidenza che l’unico Volpi in campo è l’arbitro, il crocevia, ora che è così vicino, si rivela per quello che realmente è: una rotatoria.

Con un’uscita che porta ancora verso il mare, al quarto quarto di questa partita notturna. Luna o stelle, si vedrà.

Salernitana-Chievo 1-1
Marcatori: 29′ Djordjevic (C), 36′ Kiyine (S)
Salernitana: Micai; Karo, Migliorini, Jaroszynski; Cicerelli, Odjer, Di Tacchio, Maistro (89′ Firenze), Kiyine; Djuric, Giannetti. All: Ventura.
Chievo Verona: Semper; Dickmann, Leverbe, Cesar, Frey; Pina Nunes, Obi (79′ Esposito), Segre; Vignato (61′ Garritano); Djordjevic, Meggiorini (79′ Bertagnoli). All: Marcolini.
Arbitro: Volpi di Arezzo

 

Commenti

Medico, socialmente attonito e disadattato. Osservatore non distaccato. Settario.