Lontani

 

Sapevo il posto e l’ora.

Non quale giornata di un campionato con quante squadre.

Sapevo che era un derby, l’ultimo superstite in regione.

Non sapevo che avrei partecipato per la prima volta in vita mia ad una coreografia corale. Non faceva tanta impressione, quando me l’hanno dato, quel cartoncino con la mano, ma quando li ho visti tutti alzati per Genny mi si è scaldato il cuore.

In verità un altro momento corale c’è stato, diciamo un minuto di saltelli dedicato a chi ora sta lontano. Uno dei pochi sussulti di un derby senza astio al quale non siamo abituati. Con troppo rispetto persino da parte nostra se è vero, come è vero, che Maggio ha fatto gol senza neanche saltare.

Una specie di premio alla carriera.

Nel lato A della gara ci hanno preso, sostanzialmente, a pallate. A tratti in maniera irritante, fortunatamente senza altri tributi. Il lato B, mi dicevo, ci porterà più fortuna. E quando ho visto che il mister preparava l’iniezione di fosforo ho sperato. Quantomeno, di vedere qualcosa di diverso dal lancia (a Djuric) e prega. Ma gli altri il tributo se lo sono fatto da soli. Quattro passaggi e via in porta.

Game over, più o meno. Levata la traversa ed un tabellino finale che, a leggere i marcatori, ti viene l’orticaria.

Sapevamo, più o meno tutti.

Ma in tanti sono andati a rendersi conto dal vivo. Lasciando la Processione per trascorrere il più triste dei San Matteo. Confidando nella breve distanza, per scoprire che i 74 km. di distanza tra Salerno e Benevento sono in realtà molti di più, oggi.

Processi? Non mi pare il caso.

Più o meno tutti, sapevamo.

Benevento – Salernitana: 4-0
Marcatori: 30’p.t. Maggio, 74’Improta, 89’Insigne, 95′ Asenscio (B)
Benevento: Puggioni; Maggio, Volta, Billong, Letizia; Bandinelli (87’ Del Pinto), Viola, Tello; Ricci (68’Insigne), Coda (72’Asencio), Improta. Allenatore: Bucchi

Salernitana: Micai; Perticone, Schiavi, Gigliotti; D.Anderson (52’Pucino), Akpa Akpro, Di Tacchio, Castiglia (60’Di Gennaro), Casasola; Jallow (78’Vuletich), Djuric. Allenatore: Colantuono
Arbitro:  Pezzuto di Lecce

Commenti

Medico, socialmente attonito e disadattato. Osservatore non distaccato. Settario.