Hakum Ziyech (Marocco)

Amor Marinaro

Cerimonia d'apertura dei Mondiali di calcio

Me voglio fa’ ‘na casa ‘miez’ ‘o mare
fravecata de penne de pavune,
tralla la le la tralla la la la.

Don Pasquale canta, e guarda il mare. E non guarda me.
E io, quasi quasi me ne andrei.
Mi avevano detto che con lui potevo parlare di Calcio.
Di questi Mondiali che noi non ci siamo.
Ma non c’è calcio, in questo salone antico con vista Vietri sul Mare. C’è solo un anziano signore che canta, e non mi guarda.
Basterebbe un discreto passo indietro, due magari, e potrei andare via insalutato ospite.
– Guagliò, Aró t’abbie?-
– No, scusate, don Pasquale, mi avevano detto male. Ero venuto a parlare di pallone, ma vedo che oggi non è cosa. –
– E secondo te, che sto facendo? –
– Cantate, don Pasquà. –
– Chist’è n’at ca nun capisce niente. La sai chi la canta questa? Juan Diego Flórez. Sai chi è? No. Cominciamo daccapo. – sospira – Che mi volevi chiedere? –
– Vi volevo chiedere che pensate di questo Mondiale che comincia. Ma forse non è co..-
– E dalle. Vuoi sapere di questo Mondiale. È quella cosa che comincia tra due giorni. E tu non ci stai. E io neppure. Invece ci sta questo Florez, che di mestiere fa il tenore e canterà alla cerimonia inaugurale. Pure Fahad Al-Muwallad ci sta. Tu no. E io neppure –
– E mo’? –
– E mo’. Quello io ci sono stato sempre. Nel ’42, nel ’46 e nel ’58 non li hanno disputati. Non me ne sono perso uno. –
– Veramente nel ’58… –
– Allora mi vuoi fare incazzare. Non si è giocato nel ’58 –
– Come volete voi, ma, anche se non siete un giovanotto, non credo che prima… –
– Che vuoi dire, non ci stavo fisicamente? A parte il fatto che tu non puoi testimoniare, è per mezzo di gente come te che meritiamo di stare a casa. I Mondiali noi li teniamo nel DNA, e prima che arrivasse questa generazione scombinata, qualsiasi bambino ti poteva parlare di Vittorio Pozzo come se lo avesse visto dal vivo. Ma tu, poi, perché vuoi sapere tutti questi fatti? Scrivi per qualcuno? –
– Per nessuno, scrivo per me. –
– Allora posso parlare, che tanto non ti legge nessuno. La vedi tutta questa bella stanza, coi libri antichi, col grammofono finto che dietro ci sta un lettore mp3 con la musica lirica? È tutta una messinscena. Io mi ero comprato uno SmartTv 4K ultimo modello. Ogni 4 anni un televisore nuovo per vedere i Mondiali. –
– E mo’ che fate? Lo restituite? –
– No, distribuisco le rate. Una la mando a Johansson che ci ha fatto gol nello spareggio, un’altra a Darmian che ha preso il palo, tre a Ventura, cinque/sei a Tavecchio. Distribuisco. –
– Così vi sentite meglio. –
– Sì, meglio assai. I vicini si sentiranno meglio. Vuoi mettere, neanche un’imprecazione, una bestemmia. Non si suda. Applaudirò Hakim Ziyech. –
– Si tifa per il Marocco, allora. –
– E certo. Ce lo mangiamo l’Iran. Ce lo mangiamo. –
– Non è che mi volete sfottere, vero? –

D’oro e d’argiento li scaline fare
e de prete preziuse li barcune
tralla la le la tralla la la la.

Commenti

Medico, socialmente attonito e disadattato. Osservatore non distaccato. Settario.